Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta misteri italiani

Il Fantasma della Baronessa di Carini – Carini (PA)

Immagine
Il Castello di Carini è una fortezza medievale che sorge nell’omonima cittadina in provincia di Palermo in Sicilia e domina dall’alto della rupe e si affaccia in bella vista con i suoi imponenti torrioni. Fra queste mura nel 1543 Donna Laura Lanza, figlia di Don Cesare Lanza Conte di Mussomeli, andò giovanissima (14 anni), in sposa al Barone di Carini Vincenzo La Grua e Talamanca. Il matrimonio celebrato non certo per amore, si rivelò quasi subito un completo fallimento, che sfociò in una tremenda tragedia. Il Barone di Carini era un uomo di poco valore, sottomesso al prepotente suocero, il quale lo considerava più il custode della figlia che, un marito onorevole e valoroso. Laura, la Baronessa, sola e sempre più trascurata intrecciò un’amicizia sempre più intensa con Ludovico Vernagallo, un giovane uomo che fin da bambino aveva frequentato il casato dei Lanza. Naturalmente sappiamo, come certe profonde amicizie possano suscitare la maldicenza in quanti vedono il peccato ovunque, anch…

Lupo Mannaro della Lunigiana - Pontremoli

Immagine
Di tutte le creature mitologiche che popolano l’immaginario dei mostri umani, quello dell’uomo lupo è sicuramente uno dei più affascinanti. Portato alla ribalta mediatica per le apparizioni sul piccolo e grande schermo, questa creatura ci richiama alle più ancestrali paure, quella della bestia che vive dentro ognuno di noi. Presenti in ogni cultura e chiamato in modi differenti, il licantropo pare essere diverso dal lupo mannaro. Il primo, il cui nome deriverebbe dal greco lýkos, "lupo" e ánthropos, "uomo" letteralmente uomo lupo, sarebbe un essere umano che può trasformarsi in lupo in qualsiasi momento esso voglia, mantenendo la ragione umana. Il lupo mannaro invece, il cui nome deriva dal latino volgare lupus hominarius “lupo mangiatore di uomini”, è un uomo che contro la sua volontà si trasformerebbe in lupo durante il plenilunio, perdendo completamente l’uso della ragione. Una delle leggende più note sull’origine di queste creature, la ritroviamo nel mito greco…

Il Fantasma del Re di Maggio - Asti

Immagine
Ad Asti, e più precisamente davanti al suo municipio, in Piazza San Secondo è stata segnala più volte una “presenza”, nella quale qualcuno ha riconosciuto Umberto II di Savoia. Succeduto a suo padre, Vittorio Emanuele III, fu definito il Re di Maggio, perché il suo regno durò circa un mese a partire dal 9 maggio 1946. Le apparizioni di questa presunta entità risalirebbero al 2011, e mai prima, (chissà forse perché l’esilio decretato subito dopo l’avvento della Repubblica non relegò soltanto le sue spoglie mortali in Portogallo, ma probabilmente anche il suo spirito). Ora che il veto che vietava l’ingresso in Italia dei discendenti dei reali è caduto dal 2002, probabilmente anche la sua entità disincarnata, sentendosi libera da vincoli, ha voluto rientrare nella sua bella Italia. La presenza è stata segnalata più volte da diversi cittadini astigiani, tra cui alcuni dipendenti del Municipio, compresa la moglie di un consigliere comunale, tutit naturalmente rimasti anonimi. Stante i racc…

Il Bambino Vampiro - Lugnano, Valle del Tevere - Umbria

Immagine
Il mondo antico è spesso ricco di crudeli e macabri rituali, intrisi di magia e paganesimo, che spesso tornano alla luce grazie al paziente lavoro di ricercatori specializzati, che riescono a riportare alla luce i misteri sepolti, è il caso di dirlo, nelle pieghe del tempo. E’ di recente scoperta, Ottobre 2018, nella zona di Lugnano, una località della valle del Tevere, Poggio Gramignano, situata in Umbria, in quella che è stata definita la "Necropoli dei Bambini", una sepoltura dal contenuto raccapricciante: i resti di un bambino, del V secolo d.C., tumulato con un mattone in bocca, che è subito stato ribattezzato "Il Bambino Vampiro". Nella stessa zona i ricercatori hanno rilevato molti indizi che fanno supporre che i morti di questo cimitero, compresa il bambino vampiro, siano deceduti a causa di una malattia pestilenziale di tipo malarico. L’intervento di recupero, condotto da ricercatori della Stanford University con la collaborazione con della Soprintendenza …

Ca’ de Anime: Voltri

Immagine
A Genova molti conoscono La Ca’ de Anime,: a Voltri probabilmente tutti la conoscono, ma in tanti non sanno perché si chiami così. A pochi chilometri da Voltri, sull'antica Via del Sale, vi è una casa di campagna, una palazzina di due piani come tante altre. Questa costruzione nel Medioevo fu adibita a locanda, dove viandanti, artigiani e guerrieri potevano rifocillarsi quando in viaggio percorrevano la Via del Sale. I gestori di questa locanda erano però una vera e propria congrega di briganti; infatti le camere che offrivano a certi ospiti erano un tantino speciali. Quando un cliente dall’aria facoltosa giungeva in albergo, gli veniva assegnata una stanza dal soffitto mobile. Di notte, cogliendo l’ospite in pieno sonno, i gestori si calavano dal soffitto e uccidevano il malcapitato per derubarlo. I corpi senza vita venivano poi gettati in una botola accessibile dalla cantina. Ma si sa, niente dura per sempre, e così anche i nostri delinquenti di altri tempi vennero scoperti e gi…

Il Fantasma del Campidoglio - Roma

Immagine
All’ombra del Colosseo, di notte, quando la città eterna è immersa nel sonno profondo, riemergono dalle pieghe dell'oblio, le anime di quanti nei secoli non hanno trovato la pace. Essi aleggiano indisturbati. Sono fantasmi: alcuni celebri, altri meno, ma tutti desiderosi di infestare quei luoghi dove giornalmente passeggiano gli ignari viventi. Non stiamo parlando del celebre film "Fantasmi a Roma" di Antonio Pietrangeli, ma, di fatti che forse lasciano poco spazio all’immaginazione, passando da una "realtà non ordinaria", a un fenomeno che potrebbe essere tangibile e comprovato da testimonianze, attendibili, al di là di ogni ragionevole dubbio. Quello che si racconta sul colle capitolino, al Campidoglio, e più precisamente nel Palazzo Senatorio, sembrerebbe più di una popolare diceria: un frate, che in epoca medievale, trovò la morte, dopo essere stato murato vivo all'ultimo piano della Torre di Niccolò V. Egli, si racconta, fu sorpreso a copulare con la m…

Il Fantasma del castello di Sannicandro - Sannicandro di Bari

Immagine
In provincia di Bari, a Sannicandro, sorge un’imponente fortezza composta di due parti distinte, che in epoche differenti, sono state inserite l’una dentro l’altra. Il maniero, fu edificato su un avamposto fortificato preesistente durante la dominazione normanna, e, fu rimaneggiato successivamente durante il regno di Federico II di Svevia. All’interno delle solide mura, come spesso accade, una tragedia d’amore lega indissolubilmente un fantasma a questa costruzione, che, si dice obbligato a vagare senza pace alcuna. Si tratterebbe dello spettro di una giovane donna, Mencia che, verso il 1540 si tolse la vita dopo che il suo grande amore, un ufficiale spagnolo, fu impiccato davanti ai suoi occhi. I due innamorati per coronare il loro sogno decisero di fuggire, ma non avendo denaro a disposizione, Mencia fu costretta, suo malgrado, a sottrarlo a un nobiluomo della zona. Dopo la loro cattura, e la punizione capitale dell’ufficiale spagnolo, la giovane donna, fu obbligata ad andare in spo…

Il Fantasma della moglie di Cagliostro – Roma

Immagine
In piazza Sant'Apollonia, dove un tempo sorgeva il convento dell'Oliva, compare una misteriosa ed eterea figura femminile: Lorenza Feliciani, che, proprio in questo monastero, finì gli ultimi giorni della sua avventurosa vita. La donna fu moglie e compagna del Celebre Conte Cagliostro. Nata a Trastevere, in via delle Grotte, da un’umile famiglia, intreccia giovanissima, a soli quindici anni, la sua vita a quella del Conte, divenendo per tutti Serafina Cagliostro. La Carriera di Cagliostro, (alchimista, negromante, guaritore ed eretico) ha termine proprio per colpa di Lorenza, che, lo denuncia alle autorità ecclesiastiche, le quali, dopo averlo catturato, lo mandano prigioniero in una rocca fortificata in quel di San Leo. Nelle notti d'autunno, quando la città eterna è immersa nel sonno, lo spettro di Lorenza riemerge dalle pieghe dell'oblio, e ripercorre la stessa strada che fece quel fatidico giorno in cui tradì l'amato marito. Con aria di pentimento giunge in Pia…

Santa Sabina e la Pietra del Diavolo - Roma

Immagine
Sul colle Aventino, della città eterna si trova una delle più belle e conservate basiliche del periodo paleocristiano. In questo luogo la vegetazione è rigogliosa e il profumo degli aranci contribuisce a rendere la basilica un posto unico e incantevole. Costruita sulla tomba della martire romana Sabina, la chiesa cambia il suo assetto per passare al barocco e successivamente al neo paleocristiano. Per la bellezza e il grande fascino è scelta dalle giovani coppie che vogliono convolare a nozze, coronando qui il loro sogno d’amore. All’interno della sacra costruzione, in un angolo a sinistra si trova una colonna tortile candida come la neve, su cui poggia una pietra nera come l’abisso. Questo misterioso macigno è conosciuto come "lapis diaboli" la pietra del diavolo. Di forma tondeggiante sulla sua superficie spiccano dei solchi che potrebbero far pensare a incisioni d’artiglio. Una leggenda del 1220 racconta che San Domenico, che a quel tempo soggiornava nella basilica, dopo …

Una strega di nome Finnicella - Roma

Immagine
Chi non ricorda Finnicella, la bellissima maliarda del film "Mia moglie è una strega" interpretata da Eleonora Giorgi con Renato Pozzetto? Bene Finnicella non è un personaggio inventato, da Franco Marotta e da Laura Toscano per il film diretto nel 1980 da Castellano e Pippolo, ma è un personaggio veramente esistito, nella Roma del XV secolo. Finnicella il cui nome è riportato dalle cronache capitoline, potremmo definirla la capostipite delle streghe (dal latino "strix", che significa uccello notturno) bruciate nel mondo, ree di esercitare le arti malefiche. La sua condanna al rogo, eseguita a Roma l’8 luglio 1424 sulla piazza del Campidoglio, segna l’inizio di quella che verrà poi indicata come la caccia alle streghe nel mondo vecchio e nuovo, segnando così uno dei periodi più bui, quelli in cui il braccio secolare di Santa Romana Chiesa si macchiò di innumerevoli crimini. Fu Innocenzo VIII, nel 1484, a dar via a questa crudele crociata con la sua bolla "Summi…

Ruggero I d'Altavilla, e il Miraggio della Fata Morgana – Scilla (RC)

Immagine
Per rimanere incantati dal sortilegio della mitica Fata Morgana, non occorre recarsi in Cornovaglia ma basta passeggiare per le magnifiche coste Regine nei pressi di Scilla.Quando la temperatura dell’aria in prossimità del mare e minore dell’aria sovrastante, e cielo e mare sono perfettamente immobili, avviene un fenomeno di rifrazione molto particolare: in quel momento da Scilla, la Sicilia e in particolare la città di Messina, appaiono vicinissime addirittura da poter distinguere i veicoli in movimento o le persone a passeggio per le strade, quasi come se si potesse toccarle.La leggenda, ci racconta che tale prodigio sia avvenuto la prima volta a causa di un sortilegio della Fata Morgana, la quale voleva convincere Ruggero I d'Altavilla, ultimo rampollo del nobile Tancredi, a conquistare la Sicilia, che in quel tempo era dominio degli arabi, servendosi della magia.Il nobile Ruggero, mentre dall’alto della rupe di Scilla contemplava le coste siciliane, meta della sua brama di con…

Il Fantasma del Castello della Lucertola – Apricale

Immagine
Nell’entroterra di Bordighera, percorrendo oltre dieci chilometri dalla costa, si arriva al Borgo di Apricale, che fu fondato dai conti di Ventimiglia, approssimativamente verso il X secolo d.c.. In posizione dominate fa la sua bella vista il Castello detto della Lucertola, anche esso del X secolo, attorno al quale si è sviluppato il resto del borgo. La fortificazione, che fu rimaneggiata nei secoli successivi, vide avvicendarsi diversi proprietari a seconda del periodo storico. Attualmente è di proprietà del Comune e al suo interno, oltre a essere conservati documenti e reperti, si tengono importanti eventi culturali e mostre. La storia del Castello s’intreccia con vicenda della bellissima contessa Cristina Anna Bellomo (1861-1904), che visse nel maniero a cavallo tra il 1800 e il 1900, il fantasma della quale si dice aleggi ancor oggi in quella che fu la sua ultima dimora. La sua vita ricorda un po’ quella delle principesse delle fiabe ma purtroppo senza il tradizionale lieto fine.…

Il Paese delle Cento Vedove – Cervo

Immagine
Il paese di Cervo, un villaggio medievale il cui nome è la trasformazione dal latino al volgare della parola Cervus, è stato certificato come uno dei Borghi più belli d’Italia. Il centro, che conserva ancor oggi mura e torri cinquecentesche, circondato da lussureggianti colline, si specchia imponente sul mare. I suoi abitanti erano prevalentemente dediti alla pesca, in particolare quella del corallo rosso della quale erano esperti raccoglitori. Fu grazie a questa loro particolarità professionale che i "Corallini di Cervo", noti in tutta la Liguria, finanziarono la costruzione della chiesa di San Giovanni Battista detta anche dei Corallini. Essi, partivano via mare sulle rotte del mediterraneo, luogo assai pericoloso all’epoca per le incursioni saracene, alla volta di Sardegna e Corsica al fine di ritrovare quello che era stato definito l’oro rosso del mare. I luoghi più ricchi di corallo venivano celati segretamente un segreto che gli stessi pescatori non confidavano nemmeno…

Leonardo Da Vinci Genio oltre i confini del conoscibile

Immagine
Leonardo Da Vinci è tutt’oggi considerato una delle più grandi menti che il mondo abbia mai conosciuto. Spirito libero, Leonardo, eccelleva non solo nella pittura, ma anche in ingegneria, anatomia, geologia, era ingegnere e inventore di eccezionale perspicacia, un vero genio universale. Le sue invenzioni precorrono i tempi di almeno cinquecento anni, avendo progettato: armi da guerra, elicotteri, sommergibili, carri armati e tanto altro ancora. Ma una mente, anche se cosi evoluta, può aver avuto da solo tanta intuizione? E’ davvero tutto frutto del suo grande ingegno o Leonardo sapeva perché aveva scrutato il futuro? I teorici degli antichi visitatori, quelli convinti che civiltà extraterrestri da millenni solchino i nostri cieli, non hanno dubbi: l’arte di Leonardo è stata influenzata dagli alieni. David Childres, autore e proprietario della casa editrice Adventures Unlimited Press, specializzata in libri sui misteri antichi, ci dice che Leonardo potrebbe aver avuto contatti con esse…

Le Streghe di Nogarèdo - Trento

Immagine
Una bellissima canzone di Ivano Fossati, Lunaio di Settembre, ci parla della triste storia delle presunte streghe processate tra il 1646 e 1647 a Nogarèdo un comune nella provincia di Trento. Il nome del paese, Nogaredo, sembra derivi da Nux che significa guarda caso noce: una pianta molto amata dalle streghe, il cui termine, deriva dal latino Strix e significa uccello notturno.Le donne, trucidate dall’inquisizione, il più delle volte, non avevano nulla a che fare con le accuse che gli erano mosse, spesso si trattava di povere donne di umili condizioni la cui colpa era soltanto quella di aver conservato e tramandato quelle tradizioni popolari, legate alla natura, che derivano da un paganesimo mai estirpato da Santa Romana Chiesa: erboriste, levatrici e vedove erano tra le più accusate.Fu Innocenzo VIII, nel 1484, a dar via a questa crudele crociata con la sua bolla “Summis desiderantes affectibus“ (Desiderando con supremo ardore) incaricando i frati Dominicani, Heinrich Institor Krame…

Il Mistero del Ponte di Siano - (CZ)

Immagine
Siano è una frazione del comune di Catanzaro, in Calabria, in questo territorio, anni orsono, accadde un fatto tanto singolare da destare l’interesse dei media, soprattutto quelli televisivi. Nel 1994 la trasmissione di Rai 2 "Misteri" condotta da Lorenza Foschini, dedicò a questa storia uno speciale. Una delle vallate della città, quella dove scorre il fiume Musofalo, è congiunta da un ponte, chiamato dai locali "viadotto di Siano". Questo luogo ha una triste fama, in quanto nei tempi passati, era utilizzato per i suicidi. Il 13 Febbraio 1936, fu rinvenuto in fondo al viadotto, il cadavere di un giovane diciannovenne tal Giuseppe Veraldi e le forze dell’ordine archiviarono il caso come uno dei tanti suicidi, che il luogo annoverava nella sua storia. Ma, quest’episodio, non era destinato a perdersi nell’oblio, infatti, qualche tempo dopo tornò agli onori della cronaca. Il 5 gennaio 1939 una ragazza di 17 anni, tal Maria Talarico, si trovò, a passare sopra il viadot…

Le Sette Cose Fatali dell’Antica Roma

Immagine
Uno dei più suggestivi, e meno conosciuti misteri, legato alla storia di Roma, è sicuramente quello dei "Pignora Imperìi" tradotto letteralmente "pegni dell’impero": talismani dalla sacre virtù che grazie al loro potere avrebbero garantito non solo la solidità dell’Impero ma anche, la perenne durata della città di Roma. Secondo la tradizione questi oggetti sarebbero sette, un numero molto importante nell’antichità e legato indissolubilmente alla Città Eterna: sette i primi sovrani, sette i colli sui quali la città si erge, sette le chiese più importanti e cosi via. Servio Mauro Onorato commentatore dell’Eneide di Virgilio ci dice nella sua opera "In Vergilii carmina comentarii ad Aen" che: "ci furono sette garanzie a tenere il potere a Roma: l'ago della Madre degli Dèi, la quadriga dei Veienti, le ceneri di Oreste, lo scettro di Priamo, il velo di Iliona, il palladio, gli ancilia". Ma cosa sono questi misteriosi oggetti a cui è attribuito un…

Il Fantasma di donna Olimpia Maidalchini Panphili, la Pimpaccia Romana

Immagine
Il vecchio popolo di Roma, l’ha sempre chiamata Pimpaccia, lei, donna Olimpia Maidalchini Panphili, proprio a loro non piaceva: un po’ per la sua superbia, un po’ parchè nata a Viterbo. La vita di Olimpia è sempre stata strettamente legata a Piazza Navona, luogo in cui sorge oggi quello che fu il suo palazzo, che si affaccia sulla fontana dei Quattro Fiumi realizzata da Gianlorenzo Bernini. Si riteneva all'epoca che la nobildonna avesse una relazione segreta con il cognato, Papa Innocenzo X, e che alla morte di quest'ultimo lei s'impadronì di due forzieri d'oro, che il pontefice custodiva sotto il suo capezzale. Ancor oggi si racconta che la Pimpaccia li tiene, gelosamente, con sé. Ella compare nelle notti capitoline più oscure a bordo, di una logora, carrozza trainata da quattro destrieri neri con gli occhi fiammeggianti. Tale cocchio partirebbe dalla villa suburbana di San Pancrazio e, sfrecciando come il vento, si dirigerebbe verso Ponte Milvio. Al suo passaggio l&#…

Francesco Longhi il fantasma bambino di Fumone (Fr)

Immagine
Fumone è un comune della provincia di Frosinone, posto sulla cima di un colle, caratterizzato dalla sua forma a cono, fra la catena dell’Appennino centrale, e quella dei monti Lepini. Una leggenda ci racconta che, il primo insediamento sia stato fondato dall’ultimo re di Roma Tarquinio il superbo, dopo essere stato bandito da Roma nel 244 d.c. Tuttavia, e dal medioevo che viene battezzato Fumone, per l’importanza strategica della sua collocazione, raccoglieva i segnali di fumo dalle località confinati, che erano minacciate dai predoni normanni e saraceni, per rinviarli all’Urbe. Ed è proprio a seguito di questa sua particolarità, che nasce il detto popolare "Quando Fumone fuma, tutta la Campagna trema". In questo magnifico territorio sorge un castello, quello di Fumone, che vanta una lunga storia, mille anni di cultura, arte, religione e battaglie. Fortezza principale dello Stato Pontificio, ogni pietra è intrisa di vicende e cospirazioni papali, infatti fra queste solide mu…

Ghost Tour Genovese da oltre 20 anni per un divertimento fantasmatico

Immagine
La nascita di Genova, così come quella di altre città, ha offerto spunti per miti e leggende... Secondo una di queste, a fondare la città sarebbe stato un compagno di Enea, l'eroe scampato fortunosamente, portando con sé il padre Anchise ed il figlio Ascanio, alla drammatica distruzione di Troia. Comunque, l'insediamento umano all'origine della città, è certamente antico e precedente all'età romana: componenti celtiche e mediterranee si mescolavano nelle caratteristiche di quei primi abitanti. Divenuta parte dell’impero romano e in seguito presidio dell'impero bizantino, viene conquistata nel 641 d.C. da Re Rotari dei longobardi e transitando per l’era Carolingia, raggiunge sul principio dell’anno mille una sua autonomia rispetto al Sacro Romano Impero. In una terra dai fasti così antichi, sono fiorite nel corso dei secoli numerose leggende, che narrano le gesta di eroi intramontabili, cosi come storie e fantasticherie legate al sovrannaturale dove santi, diavoli, …